Recensione Lineage II

Lineage II è un MMORPG fantasy ambientato 150 anni prima degli eventi di Lineage, sviluppato da Ncsoft Corporation sulla base dell’Unreal Engine 2,5. Da circa un anno i server ufficiali hanno adottato il modello free to play permettendo a chiunque di giocare senza alcuna limitazione e senza spendere assolutamente nulla a meno che non voglia farlo per acquistare pacchetti che permettono ad esempio di acquisire esperienza più rapidamente.

Come in ogni altro MMORPG scopo principale del gioco è creare un personaggio (è possibile scegliere tra diverse razze: elfi chiari, oscuri, nani, orchi, umani e kamael) e addestrarlo fino a raggiungere il livello massimo, ad ogni livello ovviamente vengono incrementate le statistiche del personaggio, vengono sbloccate nuove abilità e viene conferita al personaggio la possibilità di utilizzare nuovi equipaggiamenti. Lineage II però si discosta leggermente dagli altri MMORPG per la sua maggiore propensione al PVP (ossia i combattimenti tra i giocatory) la cui massima espressione sono i siege: le lotte per conquistare i castelli.

L’enorme mondo di Lineage II è suddiviso in diverse zone ognuna delle quali rappresenta un ecosistema a se, con differenze che riguardano non solo la flora, il clima e la morfologia ma soprattutto la tipologia di mostri che è possibile incontrare. In Lineage II infatti è possibile acquisire esperienza sia completando delle Quest (ossia delle missione assegnate dagli NPC sparsi in giro per il mondo) o combattendo mostri, anche se spesso le due cose coincidono.

La Ncsoft ha studiato un interessante metodo di aggiornamento chiamato Chronicle, che ogni sei mesi circa viene rilasciato gratuitamente e porta svariate novità come ad esempio l’aumento del livello massimo raggiungibile, nuove armi ed armature, nuove zone della mappa ecc.

Quello che avete appena letto è solo un assaggio di ciò che in realtà è Lineage II, un gioco incredibilmente articolato e complesso sul quale si potrebbero scrivere pagine e pagine senza comunque riuscire a descriverlo nella sua interezza, il nostro consiglio comunque è di provarlo visto che è totalmente gratuito.

Up Next

Correlati Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...