Migliori distribuzioni Linux 2012

Se avete deciso di avvicinarvi a Linux vi sarete sicuramente accorti che la prima cosa da fare è scegliere quale distribuzione installare, poiché pur basandosi sulle stesse fondamenta ognuna di esse risulta essere più o meno adatta a determinate esigenze

Quella che segue è una lista di alcune delle migliori distribuzioni Linux disponibili nel 2012, se volete provarne qualcuna senza creare partizioni potete ricorrere ai live cd o alla virtualizzazione.

 

 

 

UBUNTU

 

 

 

 

 

Cominciamo da quella che è sicuramente la distribuzione Linux più diffusa: Ubuntu. Canonica (la software house che lo produce) è riuscita a portare Linux anche sui PC degli utenti meno smaliziati grazie ad’una impostazione molto simile a quella di Windows, Ubuntu si adatta autonomamente al pc su cui viene installato ed offre di default tutti i programmi base e più utilizzati.

 

 

 

FEDORA

 

 

 

 

 

 

Concettualmente simile ad Ubuntu, Fedora è forse la distribuzione Linux che più si avvicina all’idea originaria di sistema completamente open source. Fedora si basa su una vastissima community che contribuisce (insieme a Red Hat) a testarla e migliorarla costantemente. Come Ubuntu, Fedora mette subito a disposizione dell’utente tutto ciò che serve dalle applicazioni per ufficio al music/video player…..e non solo.

 

 

 

 

 

MINT

 

 

 

 

 

Mint è una distribuzione derivante da Ubuntu, e se ne discosta soprattutto per quello che concerne la parte estetica. A livello tecnico sia Ubuntu che Mint sono molto simili quindi se via piace la fruibilità di Ubuntu ma cercate qualcosa di più accattivante dal punto di vista estetico, allora Mint è quello che fa per voi.

 

 

 

 

 

DEBIAN

 

 

 

 

 

L’idea alla base di Debian è che ogni singola componente del PC debba essere trattata allo stesso modo andando quindi ad eliminare la classica distinzione tra il sistema operativo e gli applicativi installati successivamente. Debian è forse la distribuzione più adatta a coloro che vogliono provare a costruire una distribuzione personale.

Up Next

Correlati Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...