Facebook, ecco il regolamento: tutto ciò che NON potete dire o pubblicare

Vi siete mai chiesti quali siano i criteri sui quali si basa il giudizio del social network più popolare al mondo, Facebook, nel giudicare sbagliata una vostra azione? Siete sul posto giusto, perché finalmente è stato raccolto una specie di “regolamento” sul quale basarsi per evitare di pubblicare cose sbagliate sulla propria bacheca o su quella altrui.

Come fa la società di Mark Zuckerberg a decidere quali foto, quali video e quali post non siano appropriati al più grande social network al mondo? Ponendo una serie di censure: niente immagini di donne che allattano i propri figli, mentre i capezzoli degli uomini sono concessi.

Le teste schiacciate potranno essere pubblicate, tranne quelle ridotte peggio, così come immagini di palpeggiamenti, preliminari e baci tra persone omosessuali. No invece alle foto di oggetti sessuali in contesti “hot“.

Una particolare attenzione per le immagini di nudo infantile, vengono concesse quelle di nudo artistico e di rappresentazione di marijuana, basta che non si tratti di foto di spaccio.

Si parla anche di contenuti discriminatori, di bullismo, di molestie e di minacce: atteggiamenti che ovviamente verranno repressi sul nascere. Spesso, vengono infatti cancellati contenuti senza un’apparente spiegazione, o ci viene bloccato per un periodo di tempo l’account.

Up Next

Correlati Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...