hi-tech blog

Lettura del pensiero, arriverà entro 5 anni

Ci avreste mai creduto? Sembrava un sogno, fino a non troppo tempo fa, qualcosa di irrealizzabile, di utopico. Eppure, stavolta IBM come ogni anno ha presentato il suo studio 5 in 5, che introduce delle innovazioni apportabili in un prossimo futuro, le quali ci cambieranno la vita per sempre. Stavolta si parla di lettura del pensiero, e la data fissata è il 2017.

Potremo controllare dispositivi come computer e smartphone con il pensiero, proprio come nei film. Sembra incredibile, ma non lo è: si tratta di pura realtà. Lettura di onde cerebrali, già testate in apparecchiature come l’EPOC EMOTIV, applicazioni per le quali servono caschi, attualmente ingombranti ma  che ovviamente negli anni verranno miniaturizzati.

Una tecnologia utile soprattutto ai meno fortunati, alle persone con limitazioni fisiche che non gli permettono di utilizzare gli apparecchi elettronici nella maniera classica. Possiamo credere a quello che stiamo leggendo? La risposta ha esito positivo, dato che negli scorsi anni IBM ha azzeccato le previsioni. Volete degli esempi?

Nel 2009 si era parlato di “parlare con il web”, ovvero navigare su internet con la voce, rispondere ai messaggi, o effettuare ricerche. Tutto questo si è avverato, con Siri, il riconoscimento vocale di Apple, e con altri assistenti vocali di Google. E’ anche vero che non ha indovinato altre diagnosi, come una mappatura genetica completa per tutti a meno di 100 euro, oppure come una rivoluzione del rapporto tra paziente e dottore, tramite l’adozione di sensori per i rilevamenti i quali avrebbero dovuto inviare il fascicolo di un paziente all’ospedale o al medico, rimuovendo la necessaria visita fisica.

E voi che ne dite, credete nella possibilità sopra citata? A voi la parola.

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.