hi-tech blog

Google spiava gli utenti di Safari, denuncia del Wall Street Journal

Denuncia ed accusa pesante da parte del prestigioso giornale economico Wall Street Journal, che per l’appunto ha evidenziato come, per diversi mesi, Google abbia violato la privacy di diversi utenti del browser di Apple Safari tramite uno speciale codice che, bypassando il blocco dei cookie di tracciamento, consentiva di monitorare le abitudini degli utilizzatori del sopraccitato software di navigazione.

Sicuramente, se la cosa fosse vera, si tratterebbe di uno spionaggio di mercato molto importante e alquanto grave.

Ma a proposito di questo è arrivata subito la risposta di Google, risposta firmata da Rachel Whetstone:

Il Wall Street Journal ha dato un’interpretazione negativa di cosa è successo e del perché. Abbiamo usato una funzionalità conosciuta di Safari per fornire agli utenti collegati a Google una caratteristica che questi avevano già abilitato. Abbiamo creato questo link di comunicazione temporanea tra Safari e i server di Google in modo che le informazioni ricevute fossero del tutto anonime e che ci fosse una barriera tra le informazioni personali degli utenti e il contenuto online visitato. […] Non abbiamo comunicato che questo sarebbe successo ed abbiamo già iniziato a rimuovere questi cookie pubblicitari. E’ importante ribadire che questi cookie non hanno mai raccolto le informazioni personali degli utenti.

Per ora non è arrivata nessuna risposta da parte di Apple.

Per saperne di più su eventuali novità delle questione v’invitiamo ad abbonarvi ai feed del blog.

 

Leave a Comment

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.